AUDITORIUM

La sala, che può garantire fino a 150 posti a sedere, è un piccolo gioiello d’arte, straordinaria cornice per le iniziative culturali, sempre più numerose, offerte alla città dal Museo. Alle pareti, ai lati delle due pregevoli librerie che custodiscono il fondo antico della biblioteca del Seminario Vescovile, sono appese numerose tele di epoche diverse. Si va dalle due grandi pale realizzate tra il XVI e il XVII secolo – Diecimila martiri attribuita allo Zoppo di Gangi e Agnello dell’Apocalisse coi ventiquattro seniori di autore ignoto – fino ai dipinti di ignoti pittori siciliani, come l’Assunzione della Vergine di impianto riconducibile allo stile di Maratta, e

i martiri Gorcomiensi di Egidio Amico Roxas, copia da Cesare Fraccassini custodita nei Musei Vaticani e realizzata nel 1867. Sono esposte poi due sculture lignee del XIX secolo. Arricchisce l’arredo della sala un tavolo di vetro opera di Carlo Scarpa.

Auditorium